Isee: Consiglio di Stato ripristina giustizia, ora Renzi e Poletti devono obbedire!

Finalmente con la sentenza del Consiglio di Stato è stata scritta la parola fine su una vicenda che in un Paese civile non si sarebbe dovuta nemmeno ipotizzare. Con la conferma delle sentenze del Tar del Lazio, del gennaio 2014, viene dunque definitivamente negata la possibilità di inserire tra le voci del reddito per il calcolo dell’Isee anche le provvidenze assistenziali. Il governo esce da questa vicenda doppiamente sconfitto, sia perché aveva deciso di inserire questa misura sia perché, non pago, di fronte allo stop imposto dal ‘Tribunale amministrativo regionale, aveva deciso di fare ricorso al CdS.

Oggi è un giorno importante perché viene ripristinato un principio di giustizia che il governo stava cercando di calpestare. La nostra battaglia nelle istituzioni, che conduciamo da tre anni a suon di atti parlamentari attraverso i quali chiedevamo di eliminare le provvidenze assistenziali dal calcolo dell’Isee, oggi è stata definitivamente premiata. L’ultima occasione durante la quale ci eravamo spesi in tal senso era stata l’ultima Legge di Stabilità. Le giustificazioni utilizzate allora da governo, Pd e maggioranza per respingere la nostra richiesta oggi cadono definitivamente.

Ora il governo ha il dovere di obbedire alla giustizia italiana e ci aspettiamo parole di scuse da parte di Renzi, Poletti, Biondelli e da parte di tutti quei parlamentari che hanno difeso l’indifendibile. Tra l’altro, alla luce del pronunciamento del Consiglio di Stato, si pone un quesito molto rilevante: chi pagherà ai cittadini quei servizi sociali non erogati a causa del meccanismo del nuovo Isee?

In conclusione, ricordiamo che questa settimana alla Camera si voteranno i nostri emendamenti alla mozione sulle Politiche a sostegno della famiglia attraverso i quali proponiamo proprio di eliminare questa stortura alla radice. Vogliamo proprio vedere cosa faranno questa volta.

Isee: Consiglio di Stato ripristina giustizia, ora Renzi e Poletti devono obbedire!ultima modifica: 2016-02-29T19:01:53+00:00da guado10
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento